Prima degli anni '30, indossare l'orologio significava solitamente indossare un esemplare da tasca o da taschino. Cartier, che si apre all'universo dell'orologeria soltanto a partire dal 1898 con l'arrivo di Louis, vuole creare degli orologi che siano soprattutto oggetti raffinati ed eleganti. 

La Maison disegna uno stile di quadrante che non abbandonerà più, con numeri romani a raggiera e una minuteria motivo chemin de fer. Alcuni orologi da tasca sono autentici gioielli con pavé di pietre preziose, altri invece sono mystérieux proprio come le omonime, affascinanti pendole.

OROLOGIO DA TASCA CON
DOPPIA INDICAZIONE
DELLE ORE

CARTIER PARIS, 1911

Platino, zaffiri calibrati. 

Movimento rotondo calibro 140 LeCoultre, decorazione fausses Côtes de Genève, rodiato, 8 regolazioni, 18 rubini, scappamento ad ancora, bilanciere bimetallico, spirale piatta.

Diametro 4,51 cm

 

 

OROLOGIO DA TASCA

CARTIER PARIS, 1914

Platino, un cabochon di onice. 

Movimento rotondo calibro 139 LeCoultre, decorazione fausses Côtes de Genève, rodiato, 8 regolazioni, 18 rubini, scappamento ad ancora, bilanciere bimetallico, spirale piatta.

4 x 4 cm

OROLOGIO DA TASCA MISTERIOSO

CARTIER PARIS, 1931

Oro giallo, cristallo, smalto nero. 

Incisione sul fondo cassa: November 1934

Movimento rettangolare calibro di base 409 LeCoultre con piastra aggiuntiva, decorazione a righe verticali, rodiato, 15 rubini, scappamento ad ancora, bilanciere bimetallico, spirale piatta.

4,10 x 4,10 cm